» » »

Erboristerie Pisa

Noi donne siamo sempre maggiormente interessate a cosmetici di origine naturale. Li possiamo trovare in negozi specializzati come erboristerie e parafarmacie. Erboristeria essenzialmente fa riferimento alla conoscenza delle piante intese come piante medicinali, officinali, erbe e spezie. Oggi la parola erboristeria fa riferimento a dei negozi che si occupano del commercio di queste piante a scopi terapeutici, cosmetici e nutritivi. Per una lista di negozi specializzati a Pisa dove potrete trovare prodotti naturali e per l'approfondimento di hobbydonna.it continua a leggere....

Imprese Locali

Per tutte le informazioni relative a questa pagina contatta:nSphere.
Associazione Culturale Studio Yoga Sadhana Di Annalisa De Liso
050 560557
v. Pisano Giunta 16
Pisa

Informazione fornita da
Palestra World Fitness Club
050 544360
v. Garibaldi 69
Pisa

Informazione fornita da
A.S.D. Samuraikarate
(058) 349-4342
p. S. Francesco 35
Lucca

Informazione fornita da
Gemini Sporting Club
(058) 686-4141
v. O. Chiesa 66
Livorno

Informazione fornita da
Palestra Salus Company Salus Company Societa' Sportiva Dilettantistica A R.L.
(058) 642-5193
v. Del Vigna 77
Livorno

Informazione fornita da
Studio Danza
347 4140008 328 2183274
v. Volpe 80
Pisa

Informazione fornita da
Palestra Tirrenia Gym Club
050 384042
vl. del Tirreno 22
Tirrenia

Informazione fornita da
Acquaviva Asd Associazione Sportiva Dilettantistica Acquaviva
(058) 681-4179
v. Mimbelli 5
Livorno

Informazione fornita da
Il Nuovo Club Soc. Sportiva Dilettantistica R.L.
(058) 686-3257
v. Piccioni 16/18
Livorno

Informazione fornita da
A.S.D. Vento D'Oriente A.C.S.I. Club
320 2993952 0586 958381
v. Robinie 20
Livorno

Informazione fornita da
Informazione fornita da

Standard unico europeo sui cosmetici naturali

Standard unico europeo sui cosmetici naturali

 STANDARD UNICO EUROPEO SUI COSMETICI NATURALI

 
Comunicato stampa Icea - Istituto per la certificazione Etica e Ambientale - Agenzia di stampa  MediaMente Comunicazione  

 IL 16 Aprile 2010 è stato presentato a Cosmoprof , la fiera dei cosmetici a Bologna, un disciplinare che definisce e regolamenta il cosmetico biologico, condiviso da 5 paesi europei. "Cosmos" (Cosmetics Organic Standard), sottoscritto dagli enti certificatori di Italia, Francia, Inghilterra, Germania e Belgio stabilisce in Europa le caratteristiche dei cosmetici "secondo natura".
Curare la bellezza con cosmetici rigorosamente "naturali" è diventata una richiesta forte da parte del pubblico, ma che a volte risulta ingannevole. Come si riconosce un cosmetico biologico?
Oggi, in assenza di normativa in merito, si può aderire a un codice di autoregolamentazione, su base volontaria, e adottare un marchio per la produzione di cosmetici bio ecologici (Icea in Italia, Ecocert in Francia, Soil in Inghilterra, Bdih in Germania e molti altri enti e associazioni di industrie). Ovvia la confusione per i produttori esteri, che devono adeguare le formulazioni e moltiplicare i costi di certificazione, ma ovvie anche le difficoltà di comprensione per chi desidera fare un acquisto biologico e naturale nei negozi europei.
Dal 4 maggio 2010 le cose cambieranno: entrerà in vigore Cosmos, ovvero Cosmetics Organic Standard e verranno assegnate le prime certificazioni dopo i rigorosi controlli necessari. Il nuovo standard europeo è stato approvato da tutti i principali certificatori europei - la francese Ecocert, la tedesca Bdih, l'inglese Soil Association, la belga Bioforum - e Icea, Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale, con sede a Bologna, che è stato tra i primi enti promotori  dell'intero progetto.
I principi cardine di Cosmos, che definiscono un cosmetico "naturale" sono l'applicazione della chimica verde, requisito indispensabile per ottenere la certificazione, mentre l'utilizzo della nanotecnologia viene severamente limitato, almeno fino a quando saranno disponibili informazioni più precise sui possibili effetti collaterali.
I nuovi rigorosi standard europei prevedono due livelli distinti di certificazione, una per il prodotto biologico, una per il prodotto naturale. Per il primo impone che sia bio almeno il 95% degli ingredienti agricoli ottenibili con semplici metodologie fisiche di estrazione, e almeno il 20% sul totale del prodotto finito, considerando anche l'acqua. Anche il prodotto naturale non dovrà avere più del 2% di materie prime di sintesi. Per un prodotto cosmetico garantito e di qualità si richiede il rispetto di requisiti animalisti e ambientali con un linguaggio comune, che copre dalla definizione delle diverse categorie di ingredienti cosmetici ai calcoli per quantificare le diverse percentuali di bio, di naturale e di petrolchimica residua, mai...

Clicca qui per leggere il resto dell' articolo su Hobbydonna.it